lunedì 23 settembre 2013

fuga di cervelli

quest'uomo qui (a proposito ma si scrive quest'uomo o quest uomo senza apostrofo? secondo me si scrive senza ma poi c'ho paura che mi dite che sono ignoranto) ha fatto il grande passo.
se non sbaglio ne avevo parlato illo tempore (*), presentandolo (giustamente!) come uno dei più noti geni del male del mondo dell'ICT italiano.
chi mi segue da un po' ricorderà anche un mio vecchio post sulla nuova zelanda, scritto in un momento in cui accarezzavo l'idea di trasferire armi e bagagli "down under" per ricominciare a vivere in un paese moderno, senza burocrazia, senza assurde menate. anzi, per ricominciare a vivere e basta, perché questa, dai, sarà mica vita... qui al massimo si sopravvive.
poi, purtroppo o per fortuna, io ho deciso di abbandonare il progetto. mi ero informato presso uffici ed agenzie, avevo contattato gente che aveva già fatto la stessa scelta di vita, e tutto sommato ero riuscito a mettere insieme un po' di informazioni interessanti.
a fermare tutto è arrivata una grande opportunità professionale per elena che ci ha spinto a restare, giustamente, per vedere come va a finire.
a questo punto vi starete chiedendo: ma che c'azzecca 'sta roba? dov'è il trait d'union (**) tra queste informazioni? dove vuole portarci l'autore? sarà nudo mentre scrive?
...con calma...
dicevo: mentre io abbandonavo l'idea dell'espatrio, il qui ritratto mr o'stone, spinto dalle mie stesse considerazioni,  ha preso il coraggio a due mani, ha comprato un biglietto aereo ed è partito per la nuova zelanda.
ha girato in lungo e in largo ed ha fatto il turista-con-una-missione per tre mesi. ha riempito migliaia di caselle di posta elettronica col proprio cv e, proprio allo scadere del suo visto turistico, ha ricevuto la risposta di un'azienda che gli ha detto "ti assumiamo".
già questo la dice lunga sul paese. voglio dire... un'azienda che decide di assumere uno straniero senza permesso di lavoro, semplicemente sulle basi delle skill e dell'esperienza maturata, sapendo che dovrà aspettare dai due ai tre mesi prima che questa persona possa iniziare e che ci sarà di mezzo un trasloco intercontinentale con tutte le menate che questo si porta dietro. ve la immaginate un'azienda italiana fare la stessa cosa?... ecco, appunto.
appena ottenuta la lettera d'impegno da parte del datore di lavoro, il buon vecchio mr o'stone ha presentato regolare domanda di visto permanente per se e famiglia. nel giro di poco tempo gli hanno assegnato un consulente che ha analizzato la sua pratica, premettendo che se tutto fosse risultato vero e corretto il visto sarebbe stato rilasciato senza problemi, fornendogli anche tutte le informazioni sui tempi di attesa, sui passi da seguire, su quello che sarebbe successo... preciso identico alla nostra amministrazione pubblica, insomma.
...e da pochi giorni è arrivata la notizia ufficiale.
il permanent visa è stato accordato.
restano da comprare i biglietti, caricare le ultime cose sull'aereo e partire.
le notizie che mr o'stone mi ha passato sono decisamente confortanti. si narra di un paese in cui la gente non è stressata, in cui le transazioni bancarie avvengono nel giro di pochi secondi e non dopo x giorni dalla tua richiesta, in cui ogni settimana paghi l'affitto e le fatture vengono saldate dai fornitori nel giro di pochi giorni.
insomma un paese dove vale la pena provare a ricominciare.
in bocca al lupo mr o'stone. onore al coraggio di chi ha voglia di rimettere le fiches sul piatto con moglie e due figli, con nuove relazioni da allacciare, nuovi amici da trovare, nuove scuole, lavori, lingua, cultura e vita.
e cerca di non tornare!

(*) illo tempore è latino e l'ho usato proprio a dimostrazione del fatto che sono molto ma molto studiato
(**) e che ve lo dico a fare....

6 commenti:

Cipaz ha detto...

piango di gioia e tristezza

filippo ha detto...

perché sei un grande

Regina Falangi. ha detto...

Cazzo, ma è il paradiso!

filippo ha detto...

no, solo un paese civile.
non dico sia perfetto, ma è civile.

Flavia ha detto...

Io il link di cui mi parlavi non lo vedo......... o non ci vedo proprio?

Tobacco ha detto...

solo un paese civile a misura d'uomo.
se penso che devo far crescere mia figlia qui, mannaggiaaaa