venerdì 24 ottobre 2008

easy rider



l'altra sera ero solo in casa e la tv proponeva i soliti programmi demenziali, quindi, senza manco pensarci, ho acceso il lettore e messo dentro il dvd di easy rider.

non so quante volte ho (ri)visto il film. tante. eppure ogni volta mi piace.

non ho voglia di stare a lambiccarmi troppo il cervello sul perche' mi piaccia. mi piacciono le moto, i paesaggi, la colonna sonora, i dialoghi un po' allucinati e sconclusionati.

e mi piace il messaggio.

anche se in un certo senso ogni volta mi fa male, quando sento george hanson (jack nicholson) ripetere che una cosa e' parlare di liberta' ma essere veramente liberi e' diverso.

se guardo attorno a me vedo segnali preoccupanti: casa, mutuo, macchina (per fortuna non mia), rate, ufficio... sono tutte gabbie in cui mi rinchiudo ogni giorno.

non sono libero. non nel senso proposto dal film, per lo meno.

non posso montare in sella e partire per andare chissa' dove e arrivare chissa' quando.

occupo una casellina piccola piccola in un mondo grande grande, ma se mi sposto altre caselline rischiano di andare fuori posto, come in un micro-domino. e allora me ne sto fermo e incasellato.

pero' la cosa non mi pesa, lo faccio perche' so che e' cosi' che deve essere ed e' cosi' che funziona in qualsiasi societa', umana o animale. ognuno ha un posto. ognuno deve avere un compito.

e sono felice cosi', anche della mia mancanza di liberta'. sara' grave?

forse no.

perche' in fondo se ci pensi il caro george una cazzata l'ha detta. wyatt e billy secondo me non rappresentano la liberta', rappresentano l'anarchia. loro sono fuori dal mondo.

questa e' liberta'? secondo me no. e' semplice rifiuto delle regole.

per essere libero alcune leggi e regole le devi accettare, quanto meno quelle che servono a proteggere la liberta' degli altri.

chissa', forse parlo cosi' perche' non sono libero e cerco di dare un senso a questa mia schiavitu', di razionalizzarla. mah... quante menate.

resta comunque il fatto che e' un bel film. e che mi fa sempre venire una gran voglia di fare un giro in moto.

2 commenti:

Elenarossana ha detto...

se la libertà che cerchiamo è un giro in moto, è qualcosa che possiamo ottenere facilemente. se la libertà che cerchiamo si concretizza nella fuga dalla casellina che riempiamo, abbiamo sbagliato qualcosa. se la libertà è quella di amare liberamente, di donarsi liberamente, di ascoltare, perdonare, creare un mondo di relazioni ed affetti...forse siamo più liberi di molti altri, che non hanno ancora preso coscienza della fortuna che hanno.
nene
PS - fanculo i debiti. ci siamo già sfamati a patate, scatolette e pollo sintetico. ce la facciamo anche questa volta :)

elenarossana ha detto...

...dimenticavo: se pensi che la tua casellina sia "piccola in un mondo grande grande", chiedi a elena, jacopo, emma e caterina quanto tu sia grande rispetto al mondo. la risposta sarà tanto ovvia quanto sorprendente: TU sei il mondo. oltre a te c'è solo..."il resto".